logo no scritta.png

COME PREPARARE LE TRACCE

COME PREPARARE LE TRACCE DA INVIARE AL MIX

N.B.: la maggior parte di queste indicazioni si riferisce ai casi in cui il mix sia stato fatto in una DAW.

 

 

 

Per prima cosa crea un backup del tuo progetto

Dovrai eseguire numerose operazioni a rischio. Salvaguarda i tuoi dati.

Esegui tutte le operazioni di editing necessarie

 

Un brano ben suonante parte anzitutto da un buon arrangiamento e da registrazioni e performance strumentali a regola d'arte.

Porta al massimo possibile la resa musicale, ottimizzando il timing degli strumenti, ove necessario, e l'intonazione (ad es. delle parti vocali).

Se avessi bisogno di operazioni di editing avanzate, con gli skills e la rapidità proprie di un professionista, non esitare a contattarmi. Preparerò un preventivo accurato non appena mi informerai sulle tue necessità.

N.B.: se durante il mix si dovessero ritenere necessari degli interventi di editing/correzione, questi saranno conteggiati a parte nel costo finale (da stabilire secondo accordo) e ci saranno dei possibili ritardi nella consegna del mix.

Verifica che nessuna delle tracce abbia dei problemi

Se hai fatto dei tagli sulle tracce, devi verificare, ascoltando in "solo", che nei punti di taglio non vi siano dei rumori, tipo "click" o che il taglio non dia luogo ad una transizione innaturale. Usa lo strumento "Fade" o "Crossfade" per ovviare a questo.

Fai subito un bounce del tuo Mix

  • Molto spesso i miei clienti, prima di inviarmi un brano da mixare, hanno già creato un loro mix. A prescindere dalla qualità del mix, è molto importante che io abbia una reference da tenere in considerazione durante il mixaggio. Da essa è possibile intuire la visione dell'artista e soprattutto i rapporti fra gli strumenti.

  • Puoi fare il bounce a tuo gusto, al meglio di quello che sei riuscito a fare con i tuoi mezzi.

  • Esportalo alla stessa risoluzione della tua sessione.

Disattiva tutti i plugins e gli effetti

  • Se hai utilizzato dei plugins per fare una tua versione del mix, essi vanno disattivati.

  • Se hai utilizzato effetti (come riverbero, delay, chorus, ecc..) a cui sei particolarmente legato esporta quella traccia sia con l'effetto che senza, specificandolo alla consegna. L'ideale sarebbe avere l'effetto interamente WET (cioè senza il segnale pulito) in modo tale da poterlo sommare con quello asciutto e avere maggiore controllo.

  • IMPORTANTISSIMO: anche la traccia MASTER non deve avere plugins attivi!

Ottimizza i livelli di volume

  • Verifica che ogni traccia non vada in "clip", producendo distorsione:

    • Se la traccia ha già raggiunto il clip in fase di registrazione, non potrai far nulla.

    • E' possibile che il clip avvenga all'interno della catena di plugins sulla traccia: in questo caso apri il plugin e riduci il livello di output.

    • Se il clip avviene in conseguenza del livello del fader (troppo elevato), abbassalo: se vuoi mantenere la relazione di volume rispetto alle altre tracce, sarai costretto ad abbassarle tutte assieme della stessa quantità.

  • Verifica che il livello presente nel MASTER FADER non raggiunga il picco e che si mantenga in un range attorno ai -16​dB RMS (di media) con picchi al massimo a -3dB.

    • NON ABBASSARE O ALZARE IL MASTER FADER. Esso deve sempre rimanere a 0dB. Per raggiungere i livelli sopra menzionati, alza o abbassa TUTTE le tracce che vanno al MASTER.

    • Se hai creato dei subgruppi (ad esempio Batteria), tienili tutti a 0dB. Piuttosto alza o abbassa i canali ad essi assegnati.

Nomina le tracce in modo chiaro ed organizzato

  • Evita di esportare le tracce con nomi del tipo "Audio 1" o "Track 1".

  • Se nel tuo software hai già l'elenco delle tracce in ordine, è molto utile nominarle anteponendo il numero della traccia prima del nome: ad es. "01. Kick", "02. Snare", eccetera.

Sei pronto per l'esportazione

  • Verifica la risoluzione in bit e KHz della tua sessione e mantienila uguale per l'esportazione: si accettano files WAVE, AIFF di risoluzione minima a 44.100Hz, 16 bit, fino a 32 bit 96KHz.

  • Tutte le tracce devono iniziare da "zero": per esempio se un assolo di chitarra parte dal minuto 2'30'' la traccia dovrà comunque essere esportata partendo da zero e avrà come contenuto 2'30'' di "silenzio digitale" prima del solo. Questo permetterà di importare direttamente i file audio nel mio sistema senza perdere la sincronizzazione tra le tracce. Molti software hanno già una funzione pensata per questo: Logic per esempio ha la "Bounce and Replace All Tracks".

  • Occhio ai locatori del software: mantieni un margine sufficientemente ampio alla fine della sessione per salvaguardare tutte le code delle tracce.

  • Se hai impostato dei Fade-in o Fade-out (dissolvenze) lungo il brano su una o più tracce, rimuovili per favore: userò il tuo roughmix come riferimento per riprodurli.

  • Se all'interno della tua sessione sono presenti dei Virtual Instruments, oltre l'audio esporta anche il MIDI, eventualmente includendo il preset all'interno del VST. Questo potrà permettermi di variare, ove necessario, il suono del Virtual Instrument direttamente alla fonte, ottenendo un risultato più preciso ed efficace.

Crea un pacchetto ZIP

  • Il pacchetto dovrà contenere le tracce del progetto appena esportate

  • La tua versione del Mix

  • Eventuale MIDI file relativo alle tracce Virtual Instruments.

  • Eventuali files dei Presets dei Virtual Instruments.

  • Un file di testo dove indicherai:

    • BPM del brano (se fisso)​

    • Tonalità

    • Commenti o indicazioni che mi permettano di comprendere al massimo le tue visioni e idee

    • IMPORTANTE: uno o più link (o file) a brani già editi che possano rappresentare una reference per il mix, magari con dei commenti specifici a riguardo.

Fai la prova del nove

  • Chiudi la tua sessione e aprine una nuova, vuota, con le stesse caratteristiche di risoluzione.

  • Importa tutte le tracce che hai esportato precedentemente e verifica, ascoltando, che tutto sia in ordine.

  • Fai attenzione che alcune tracce non siano vuote: in tal caso torna nella tua sessione di origine e ri-esportale in modo corretto.

 

Invia il pacchetto ZIP con wetransfer

Accedi al sito www.wetransfer.com, aggiungi il file ZIP appena creato, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo "Mittente", ivano.giovedi@gmail.com nel campo "Destinatario" e premi INVIA. Attendi la conferma di avvenuta spedizione via mail.

Compila il modulo sottostante

Una volta compilato ti ricontatterò al più presto per organizzare la sessione di mix in streaming e, se necessario, per chiarire eventuali dubbi o confrontarci sul mix.

Modulo di richiesta Mix on-line
Sei interessato anche al Mastering?

Inviato con successo!